Iscriviti è GRATIS!

Non sei registrato? Servizi gratuiti per te, registrati

User(Email): Password:

Password dimenticata?

NewsLetter

Ricevi gratis ricette ed aggiornamenti sul cioccolato

Email: Nome:

si accetta l' informativa sulla privacy

Accetto

Stampo a cerniera D28 X H 7 cm antiaderente

Produttore: Decora

L’acciaio antiaderente di alta qualità, garantisce un’omogenea diffusione del calore ed una cottura eccellente. Dotato di chiusura a cerniera per sformare facilmente il dolce. Stampo ideale per la preparazione di cheesecake e semifreddi

Dimensione: Ø 28 X H 7 CM

Prezzo: €13,47

Regalo al cioccolato

Fai un Regalo diverso dal solito

ChocoCorso

Partecipa al corso sul cioccolato dettagli

Tutti i corsi sul cioccolato

Ultime news

    Attualmente non ci sono news

Speciale gratis

Per scaricare gratis questo speciale iscriviti

Cioccolato in casa?

Scopri i segreti per prepararlo Gratis la nostra guida pratica clicca qui

Home» Feste ed Eventi News » Eventi » Sigep 2009: Campionato Italiano di Cioccolateria

Sigep 2009: Campionato Italiano di Cioccolateria

di Laura Ravasio

| domenica 30 novembre 2008


Sigep 2009: Campionato Italiano di Cioccolateria

Una nuova iniziativa di Callebaut, Cacao Barry e Carma per il Sigep 2009: con il Campionato Italiano di Cioccolateria sarà eletto il Campione Italia


Milano, novembre 2008 - “E’ un prodotto dal quale non si finisce mai di imparare.” Queste parole di Andrea Slitti, uno degli esperti che compongono il Comitato promotore del Campionato Italiano di Cioccolateria, tradiscono tutta la fascinazione per questo alimento estremamente duttile e di grande resa nelle preparazioni dolciarie. Talmente vario nelle sue preparazioni da richiedere professionalità specifiche e un’attenzione particolare tutta dedicata all’oro marrone scuro che esce dalle mani dei Maestri Cioccolatieri.

Il Campionato Italiano di Cioccolateria nasce dalla storica collaborazione tra un Comitato di Esperti,  - composto da Iginio Massari, Gianni Pina, Vittorio Santoro, Andrea Slitti, Danilo Freguja, Antonio Le Rose e Gianfranco Rosso, -  e Callebaut, Cacao Barry e Carma. Si tratta  della selezione italiana per il World Chocolate Masters: la più prestigiosa competizione internazionale di cioccolateria dedicata all´uso creativo del cioccolato in tutte le sue forme.

Studiata per esaltare i professionisti del cioccolato e le più moderne tecniche di lavorazione dello stesso, la competizione è aperta ai più grandi talenti nazionali e internazionali della cioccolateria.

Tutti i lavori verranno valutati da una qualificata giuria di esperti internazionali che eleggerà il Campione Italiano di Cioccolateria 2009, rappresentante italiano alla finale mondiale del World Chocolate Masters di Parigi (Ottobre 2009).

La ricerca di quello che diventerà il Campione Italiano di Cioccolateria del 2009 si tiene al Sigep di Rimini, dal 17 al 21 gennaio 2009. Il tema di questa edizione, ´Alta Moda’, permetterà ai campioni italiani di esprimersi su un tema così significativo all’interno della nostra cultura.

Il concorso prevede che gli aspiranti Campioni si sfidino su più discipline; in particolare, sabato 17 gennaio i concorrenti realizzeranno un pezzo artistico interamente in cioccolato, mentre domenica 18 e lunedì 19 gennaio gli sfidanti, divisi in due gruppi, realizzeranno le praline stampate ed a immersione, una torta al cioccolato, una monoporzione al cioccolato e il “dolce del mistero”, una volta che verranno svelati gli ingredienti della “Mystery Box”.

Una manifestazione che attrae e incuriosisce un folto pubblico, espressione della fortuna che il cioccolato sta vivendo in questo momento. Declinate le mode del cioccolato con un alta percentuale di latte, oppure del cioccolato unito a spezie o altri aromi, si fa strada la richiesta di cioccolato di qualità, anche grazie a una normativa che sostiene le esigenze del palato.

Come fa notare il Maestro Cioccolatiere Gianfranco Rosso, “Da circa quattro anni stiamo assistendo ad una evoluzione nell’uso del cioccolato. In precedenza veniva visto come un omaggio, un qualcosa di cui fare dono in momenti particolari, sto pensando ad esempio alla classica scatola di cioccolatini. Oggi sta prendendo piede il consumo personale della tavoletta, il cioccolato come piacere del quale appropriarsi individualmente senza aspettare occasioni particolari.”

Queste differenze nei consumi si riflettono anche nel diverso atteggiamento che i giovani cioccolatieri hanno dimostrato nei diversi periodi. “Negli anni ’80 – è ancora Gianfranco Rosso che parla – si è verificato un grosso fermento da parte dei giovani pasticcieri che diventavano cioccolatieri. A questo periodo ne è succeduto uno di stasi in cui pochissimi giovani si sono dati all’arte del cioccolato. Per fortuna, in questi ultimi anni, anche tramite il nostro concorso, si è tornati a vedere le nuove leve cimentarsi con il cioccolato, cercare di crescere specializzandosi in questo settore della pasticceria così particolare, benché manchi una formazione di base che permetta di avvicinarvisi partendo da zero.”

Rassicurati sul luminoso futuro dell’amato cioccolato e dei suoi Maestri, non rimane che soffermarci ad ammirare l’ultima moda, cioè il dessert al bicchiere, preparazione mutuata dalla ristorazione, che permette presentazioni ricercate e cura nei dettagli.


fonte: Ufficio Stampa Nuova Comunicazione
Vuoi approfondire questo argomento? Partecipa al corso
Ne sai di più su questo argomento? Clicca Qui