Iscriviti è GRATIS!

Non sei registrato? Servizi gratuiti per te, registrati

User(Email): Password:

Password dimenticata?

NewsLetter

Ricevi gratis ricette ed aggiornamenti sul cioccolato

Email: Nome:

si accetta l' informativa sulla privacy

Accetto

Farina di Ceci in sacco da 5 Kg

Produttore: Vari

Farina di Ceci in sacco da 5 Kg

Prezzo: €27,28

Regalo al cioccolato

Fai un Regalo diverso dal solito

ChocoCorso

Partecipa al corso sul cioccolato dettagli

Tutti i corsi sul cioccolato

Ultime news

    Attualmente non ci sono news

Speciale gratis

Per scaricare gratis questo speciale iscriviti

Cioccolato in casa?

Scopri i segreti per prepararlo Gratis la nostra guida pratica clicca qui

Home» Curiosità cioccolatose » Guinness » Ferrari e cioccolato:intramontabile successo

Ferrari e cioccolato:intramontabile successo

di Claudia Marzullo

| giovedì 1 maggio 2008


Ferrari e cioccolato:intramontabile successo

Ferrari e cioccolato a distanza di due mesi dalla conclusione dell’evento,tenutosi a sorrento, il Club Pasticceri Italiani, traccia un bilancio positivo sotto molti aspetti


Ferrari e cioccolato:a distanza di due mesi dalla conclusione dell’evento, tenutosi il 22, 23 e 24 febbraio a Sorrento, che ha visto protagonista la versione golosa della fiammante auto da corsa,il Club Pasticceri Italiani, traccia un bilancio positivo sotto molti aspetti.

Ma è tutta di cioccolato?

Questa la domanda che risuonava nell’area circostante la Ferrari, perché lo stupore induceva a dubitare che fosse reale, perché realizzare un’auto in scala 1/1 utilizzando solo cioccolato sembra davvero una follia.

In realtà proprio con questi dubbi ebbe inizio quest’avventura circa un anno fa, quando due pasticceri Antonio Vanacore e suo figlio Mattia, e Antonio Angelo, titolare dell’azienda dei f.lli Angelo di Napoli,si associarono per intraprendere quest’impresa promossa dalla scuderia Ferrari Napoli.

Da un modellino della rossa Ferrari, si è quindi arrivati ad uno stampo in scala 1/1, da qui partì la ricerca dell’azienda che avrebbe offerto il cioccolato e solo dopo tanti vani tentativi, avviene l’incontro con Belcolade, azienda belga nota nel settore dolciario per il rispetto della lavorazione del cioccolato puro di alta qualità.

L’azienda belga ha messo a disposizione, 20 quintali di cioccolato per creare una rossa, orgoglio nazionale che potesse risultare reale, infatti, anche il colore è stato riprodotto fedelmente per essere verosimile all’originale.

Tutto questo piacevole lavoro si è svolto per mesi in un laboratorio, dell’edificio dei f.lli Angelo, completo di attrezzature specifiche, dove è stato possibile lavorare a questo ambizioso progetto grazie ad Antonio Angelo.

Tante le ore di lavoro che ognuno dei pasticceri ha trascorso lavorando il cioccolato e modellandolo con cura e dovizia dei particolari, per ottenere il risultato sperato come qualsiasi impresa da guinness dei primati.

Aida YespicaL’inaugurazione prevista per il venerdì pomeriggio, con una madrina d’eccezione, la ballerina Aida Yespica, ancora oggi è trasmessa in replica dalle Tv locali, che erano presenti in Piazza Tasso e da Sky Sport, che ha ripreso questi istanti tra applausi e stupore.

 

 

 

• Presente alla manifestazione come ospite d’eccezione, Giovanni Pina, presidente dell’Accademia Pasticceri Italiani, che ha avuto il compito di conferire amichevolmente, un riconoscimento ai membri del Club Pasticceri Italiani, per ricordare e premiare questo progetto.

• Alla fine delle tre giornate trascorse nella splendida cornice di Piazza Tasso,ospiti del noto bar Il Fauno, che gentilmente ha ospitato la kermesse, si è arrivati al fatidico momento della distribuzione dei pezzi di cioccolato ai tanti visitatori, che increduli hanno così potuto confermare, che si trattava di vero cioccolato e soprattutto di ottima qualità.

Anche se con un po’di tristezza, letta nei volti dei promotori di un’iniziativa fuori dal comune,ma che ha ottenuto consensi da professionisti del settore e tanti complimenti dalla gente accorsa in migliaia, l’evento si è così concluso, ma ancora oggi fa parlare di sé.

E poi questa è solo una delle tante sfide che il Club Past


fonte: Club pasticcieri italiani
Vuoi approfondire questo argomento? Partecipa al corso
Ne sai di più su questo argomento? Clicca Qui
 
Articoli correlati