Iscriviti è GRATIS!

Non sei registrato? Servizi gratuiti per te, registrati

User(Email): Password:

Password dimenticata?

NewsLetter

Ricevi gratis ricette ed aggiornamenti sul cioccolato

Email: Nome:

si accetta l' informativa sulla privacy

Accetto

Formina Riccia Ovale in alluminio 9,5x6xh1,5 cm

Produttore: Vespa

Formina riccia ovale in alluminio,perfetta per realizzare crostatine,rustici e pasticceria mignon.

9,5x6xh1,5 cm

Prezzo: €0,24

Regalo al cioccolato

Fai un Regalo diverso dal solito

ChocoCorso

Partecipa al corso sul cioccolato dettagli

Tutti i corsi sul cioccolato

Ultime news

    Attualmente non ci sono news

Speciale gratis

Per scaricare gratis questo speciale iscriviti

Cioccolato in casa?

Scopri i segreti per prepararlo Gratis la nostra guida pratica clicca qui

Home» Il Cioccolato » La leggenda del cacao » Il valore del cacao presso gli antichi

Il valore del cacao presso gli antichi

di Candida Iorio

| martedì 12 aprile 2005


Il valore del cacao presso gli antichi

Quanto era importante il cacao? Ecco il suo valore socio-economico ricoperto al tempo dei Maya.


I primi coltivatori di cacao, in assoluto, furono di sicuro i Maya nel V sec. d.C.

Tuttavia pare che la pianta sia cresciuta spontaneamente nella penisola dello Yucatàn e che già nel lontanissimo XVI sec. a.C. fu conosciuta come tale per prima agli Olmechi e che solo più tardi i Maya l'abbiano coltivata.

I Maya solevano utilizzare i semi ricavati dalla pianta di cacao in operazioni di scambi commerciali e, per un certo esteso periodo della loro storia,  il cacao rappresentava per loro quella che per noi è oggi la moneta, un vero e proprio "oro nero";

naturalmente più grossi erano i semi più valore essi avevano: così, ad esempio, per l'acquisto di un tacchino o di uno schiavo occorrevano circa 100 semi grossi;

ai semi più piccoli spettava invece una funzione più propriamente gastronomica o anche farmaceutica: gli Aztechi se ne servivano come ricostituenti oppure li utilizzavano per risanare le piaghe, ma riconoscevano in loro anche poteri afrodisiaci e allucinogeni.

Presso le popolazioni mesoamericane pare si svolgessero veri e propri riti di culto durante l'operazione della coltivazione del cacao: il cibo degli dei consacrava un'alleanza tra l'uomo e la divinità;

durante tutto il periodo della coltivazione del cacao l'intera popolazione si sentiva coinvolta in una totale astinenza sessuale a cui facevano seguito, al momento della raccolta, delle cerimonie orgiastiche che andavano a rispecchiare quell'unione tra Dioniso e l'uomo.

 

 

 

 

 



Vuoi approfondire questo argomento? Partecipa al corso
Ne sai di più su questo argomento? Clicca Qui
 
Articoli correlati