Iscriviti è GRATIS!

Non sei registrato? Servizi gratuiti per te, registrati

User(Email): Password:

Password dimenticata?

NewsLetter

Ricevi gratis ricette ed aggiornamenti sul cioccolato

Email: Nome:

si accetta l' informativa sulla privacy

Accetto

Stampo in silicone Fleur 232x331 h 83mm

Produttore: Silikomart

Con lo stampo Fleur avrai la possibilità di realizzare uno squisito gelato.

Dimensione: 232x331 h 83mm
Volume: 4000ml

Prezzo: €14,09

Regalo al cioccolato

Fai un Regalo diverso dal solito

ChocoCorso

Partecipa al corso sul cioccolato dettagli

Tutti i corsi sul cioccolato

Ultime news

    Attualmente non ci sono news

Speciale gratis

Per scaricare gratis questo speciale iscriviti

Cioccolato in casa?

Scopri i segreti per prepararlo Gratis la nostra guida pratica clicca qui

Home» Curiosità cioccolatose » La cioccolata in tazza » La cioccolata in tazza: le antiche ricette

La cioccolata in tazza: le antiche ricette

di Candida Iorio

| mercoledì 12 gennaio 2005


La cioccolata in tazza: le antiche ricette

La storia della cioccolata calda o fredda in tazza; i segreti della ricetta più antica dalle scoperte archeologiche.


Scoperte archeologiche quali glifi, vasi e varie rappresentazioni iconografiche ci informano che, già prima dell’arrivo dei conquistatori spagnoli, i Maya e gli Aztechi ricavavano la cioccolata, l'ottima bevanda ancora oggi assai gettonata, dal cacao;

addirittura è stato possibile pervenire alla conoscenza del modo con cui questi popoli realizzavano la cioccolata, attraverso vari tipi di “ricette” che prevedevano il rimescolamento accurato di pasta di cacao con acqua e spezie miste (sarebbero state proprio queste spezie a fare della cioccolata un afrodisiaco e non, come si pensava, il cacao).

Una fase importante della preparazione era quella dei ripetuti versamenti e rimescolamenti per rendere la bevanda spumeggiante.

L'etimologia delle parole "cioccolato" e "cioccolata" derivano infatti dall’accostamento di due termini dell'antica lingua azteca:

xoc, il rumore che la bevanda provoca quando viene sbattuta per ottenere la schiuma e atle, l’acqua che si aggiunge al cacao per ottenere la bevanda a cui mancava lo zucchero, sconosciuto agli Aztechi. 

Pare tuttavia che i Maya dello Yucatàn preferissero la cioccolata calda, mentre gli Aztechi la bevevano fredda.

 

A portare per la prima volta in Europa i semi di cacao deve essere stato Cristoforo Colombo, caricandone alcuni sacchi sulla sua nave intorno al 1502, ma trasportati accanto ai tesori furono totalmente trascurati.

 

Si deve invece a Cortès il merito di aver riportato il cacao in Spagna, dopo la vittoria sugli Aztechi, favorendo la diffusione della cioccolata in tazza che qui vide la vaniglia e lo zucchero sostituire il peperoncino.

 



Vuoi approfondire questo argomento? Partecipa al corso
Ne sai di più su questo argomento? Clicca Qui
 
Articoli correlati