Iscriviti è GRATIS!

Non sei registrato? Servizi gratuiti per te, registrati

User(Email): Password:

Password dimenticata?

NewsLetter

Ricevi gratis ricette ed aggiornamenti sul cioccolato

Email: Nome:

si accetta l' informativa sulla privacy

Accetto

Colorante in polvere glitterato spray argento 10gr

Produttore: Silikomart

Vuoi dare un tocco scintillante alle tue creazioni? Glitter Dust Silver è un colorante alimentare perlescente in polvere con pompetta ad aria, ideale per decorazioni.

10 gr

Prezzo: €7,27

Regalo al cioccolato

Fai un Regalo diverso dal solito

ChocoCorso

Partecipa al corso sul cioccolato dettagli

Tutti i corsi sul cioccolato

Ultime news

    Attualmente non ci sono news

Speciale gratis

Per scaricare gratis questo speciale iscriviti

Cioccolato in casa?

Scopri i segreti per prepararlo Gratis la nostra guida pratica clicca qui

Home» Il Cioccolato » La leggenda del cacao » La Società Maya.La sua struttura.

La Società Maya.La sua struttura.

di Alfredo Guadagni & Daniela DeVecchi

| venerdì 27 luglio 2012


La Società Maya.La sua struttura.

Continuiamo il viaggio per riscoprire una società che vide la luce, secondo studi recenti, intorno al 1700 a.C.





La società Maya, di tipo fondamentalmente gerarchica, era suddivisa in vari rami: nobiltà governante; sacerdoti, di pari importanza ai guerrieri e ai nobili signori; coltivatori, che nel tempo libero si dedicavano agli affari di stato; infine gli schiavi.
Si distinguevano in una gerarchia così impostata i signori della religione, sapienti e curatori di malattie (la popolazione in caso, si rivolgeva a loro). Fonti storiche testimoniano che conoscevano molto bene l' arte della cura, anche del proprio corpo con la pulizia: sapevano anche preparare analgesici, abortivi o afrodisiaci.
Inoltre, questi veri e propri "signori del sapere" erano anche astronomi e matematici e conoscevano perfettamente il tempo della semina e della mietitura, sapevano pregare gli dèi, e cacciare le divinità malefiche.

Il loro tempo libero, come accennato, era dedicato agli affari di stato, e contribuirono alla creazione di grandi piramidi, templi e palazzi signorili. Gli schiavi invece, erano prigionieri di guerra o condannati che avrebbero dovuto scontare la propria pena con un lavoro non retribuito e senza riposo.

Tra le attività più importanti che il popolo dei Maya svolgeva, vengono ricordate soprattutto la caccia e la pesca. In merito alla seconda, data la vicinanza del mare e dei fiumi e all' abbondanza di pesci, i Maya non avevano particolari difficoltà, nel reperire la "materia prima".

Molto curioso e interessante invece era il "rito" della caccia:
Prima di tutto i guerrieri, circa un centinaio che partecipavano alla "pratica" dovevano compiere riti per ingraziarsi gli dei a una buona caccia; gli stessi si sarebbero ripetuti in seguito, a battuta conclusa.
I cacciatori-predatori si rifugiavano tra la vegetazione, e attiravano gli "animali prede" con richiami particolari. Probabilmente ad essere risparmiati, sarebbero stati gli uccelli utilizzati, ovviamente vivi, anche per la riscossione delle multe. Le piume erano di grande valore: usate persino come valuta, rappresentavano anche una dote pregiata per le figlie dei vassallli che avrebbero dovuto contrarre matrimonio.

I Maya conoscevano l' arte della decorazione ( ricavando ll colore da uova di tartarughe e molluschi) sapevano lavorare il cotone, utilizzare i metalli, da cui ricavavano utensili per la caccia, la pesca e la vita quotidiana, e potevano trasportare liquidi e semi tramite le zucche svuotate.
Infine utilizzavano anche metalli come l' oro:
Allora proprio come oggi, gli oggetti "luccicanti" venivano molto apprezzati soprattutto dai nobili signori.


fonte: Alcioccolato
Vuoi approfondire questo argomento? Partecipa al corso
Ne sai di più su questo argomento? Clicca Qui